-

-

Lettori fissi

Una perfetta correlazione è il primo principio su cui si fonda lo sviluppo.
L'integrazione o anche proprio la parola "organico" vuole dire che nulla ha valore se non in quanto naturalmente
collegato al tutto e in direzione di un qualche fine vitale.


Frank Lloyd Wright

"La cultura per i poveri non può essere una povera cultura".

Claudio Abbado


mercoledì 5 marzo 2014

Maloenton e gli Osci



Continuo a raccontarvi della mia splendida città.


Secondo ciò che sappiamo dai vecchi scritti, le origini del nostro territorio sono risalenti al paleolitico.
Ci sono testimonianze della presenza preistorica dell'uomo nel territorio di Castelvenere, in provincia di Benevento.



qui ritrovamenti di palafitte e di numerosi reperti.

Per quel che riguarda la nascita, con certezza si sa che il suo nome originario è
 Maloenton "ritorno delle greggi".
Infatti era il luogo dove avveniva la transumanza di genti che con i loro tratturi, dagli Abruzzi si portavano alla Puglia.

In realtà la sua fondazione è dovuta al popolo degli
Osci.



Siccome per me molto importanti sono le origini di un popolo, maggior attenzione ci sarà da parte mia nei confronti di esse, anche se sembrerà di andate fuori tema.


Gli Osci o Oschi
 erano un popolo indoeuropeo appartenente al gruppo osco-umbro.
Originatisi dai Sabini attraverso un rito di Primavera sacra.

Questo in particolare mi ha colpito, perché spiega il motivo per cui nacquero diversi popoli sullo stesso territorio. Veniva celebrato nei momenti di crisi o di carestie ed era molto diffuso presso i Sabini. Per gli Osci consisteva nella promessa fatta al Dio Marte (mentre per i Sabini era al Dio Mamerte) di offrire in sacrificio tutti i primogeniti nati dal 1°Marzo al 1°Giugno.

Gli animali venivano effettivamente sacrificati, mentre i bambini divenivano sacri al loro Dio per poi, giunti all'età adulta, emigrare per fondare nuove colonie.

I popoli che nascevano si distinguevano dal loro animale sacro e da essi venivano ispirati per la localizzazione del territorio in cui stabilirsi.
 Per i Sanniti nati dai Sabini il totem era il Toro selvaggio,


Uno dei gonfaloni della
 provincia di Benevento

mentre per i Lucani il Lupo.

Gli Osci del gruppo osco-umbro si unirono ai Sanniti intorno al V secolo a.C.
Infine si insediarono nella loro sede storica l'Opicia anche prima del I millennio a.C. unendosi infine alla presistente popolazione latino-fallica detta Opici.
Le genti Osche fondarono anche Pompei ed Ercolano nel VI secolo a.C., Alife ed Atella.




Quest'unione ci fu per lungo tempo fino a quando i Romani non invasero questi territori causando le famose
 Guerre sannitiche.

C'è ancora tanto da dire e come sempre vi rimando al prossimo post.
Un abbracciooooo...


Immagini dal web




4 commenti :

  1. Mi sto appassionando al dettagliato racconto sulle origini della tua città. Grazie!
    Buona giornata un abbraccio
    enrico

    RispondiElimina
  2. Caro Enrico, grazie.
    Mi sto divertendo anch'io nel raccontarlo, vorrei poter dire di più, ma ho paura sempre di esagerare. Buona giornata anche a te, ciao.

    RispondiElimina
  3. Buongiorno S.Pia è affascinante la storia dei luoghi che viviamo ed è estremamente interessante il tuo racconto.

    A presto.

    RispondiElimina
  4. Ciao Topoooooo!!!!!
    Hai ragione è estremamente affascinante conoscere a fondo i luoghi in cui abbiamo vissuto o viviamo.
    Proprio oggi sono stata in una chiesa in restauro, quello che ho visto e che ho appreso è tremendamente interessante forse ne parlerò, ma non so se riuscirò a rendere l'eccezionalità di quel che ho visto, è molto difficile, vedremo.
    Un bacio amicissimo.

    RispondiElimina