-

-

Lettori fissi

Una perfetta correlazione è il primo principio su cui si fonda lo sviluppo.
L'integrazione o anche proprio la parola "organico" vuole dire che nulla ha valore se non in quanto naturalmente
collegato al tutto e in direzione di un qualche fine vitale.


Frank Lloyd Wright

"La cultura per i poveri non può essere una povera cultura".

Claudio Abbado


domenica 29 marzo 2015

La valenza dell'asino



..Sull’uscio, alla finestra, accanto al letto metteteci l’ulivo benedetto!
Come la luce e le stelle serene: un po’ di pace ci fa tanto bene. 
Giovanni Pascoli

 


Il 29 Marzo 2015 si festeggia l’inizio della Settimana Santa e l'ingresso di Gesù a Gerusalemme in sella ad un asino.
Ma perché la Domenica delle Palme si chiama così?
Il motivo è da riscontrare nell’accoglienza di Gesù da parte della folla: infatti le persone per festeggiare l’ingresso di Gesù a Gerusalemme, agitavano dei rami di palma, simbolo di regalità, acclamazione e trionfo.


Ma l'attenzione quest'anno si pone sull'umile asinello che ha la fortuna e l'onere di trasportare Gesù durante l'entrata trionfale.

 
 
 
Ha valenze contrastanti perchè a volte è associato al male.
 
In realtà quest'animale è importantissimo ed è spesso
citato nella Bibbia. 
 
Per esempio nell’Antico Testamento l’asino è cavalcatura dei profeti e dello stesso Messia.
 
Nel libro dei Giudici è presentato come cavalcatura dei potenti: la profetessa Deborah canta infatti: 
 
"Benedite il Signore! Voi che montate asine bianche e splendenti".
 

Nel libro dei Numeri si racconta la storia dell’asino (o asina?) di Balaam.
Questi, un mago madianita, si recava per conto del re di Moab contro l’esercito degli Ebrei per maledirlo, ma l’asino che cavalcava, percepita la presenza dell’angelo armato di spada che il Signore aveva inviato per fermarlo, deviò per i campi nonostante che Balaam lo bastonasse per riportarlo sulla via e gli parlò, dicendogli che aveva le sue buone ragioni per non obbedirlo come sempre: a questo punto il suo padrone vide anch’egli l’angelo e, cambiato avviso, benedì gli Ebrei.
 
 
 
 
Qui l’asino ha una figura sapienziale, come colui che riconosce la volontà di Dio prima dell’uomo, ruolo sottolineato dal dono temporaneo della parola fattogli dal Signore.
 
Nel libro di Samuele Saul, alla ricerca delle asine smarrite di suo padre Kis, si rivolge a Samuele perché come veggente gli indichi dove fossero e il profeta, rassicurandolo che le asine sono state trovate, lo unge re d’Israele.
Nel libro di Zaccaria la figura dell’asino è legata alla profezia della venuta del Messia:
 
«Esulta grandemente, figlia di Sion, / giubila, figlia di Gerusalemme! / Ecco, a te viene il tuo re. / Egli è giusto e vittorioso, / umile, cavalca un asino, / un puledro figlio di asina».
 
In questo episodio la figura dell’asino si ricollega da un lato a quella di cavalcatura dei re e degli immortali, propria delle culture dell’estremo Oriente, mentre dall'altro lato è presentato come cavalcatura modesta, il cui impiego da parte del Messia è segno d’umiltà.

Ancora di più nel Nuovo Testamento troviamo sempre la presenza dell'asino, sia nei libri canonici, sia negli apocrifi neotestamentari.
 
Negli scritti canonici è presente nell’episodio dell’ingresso trionfale di Gesù a Gerusalemme la Domenica delle Palme:
 
un’asina secondo Matteo, un asinello secondo Marco.
 
L’episodio si ricollega, per esplicito riferimento che vi fa Gesù, alla profezia veterotestamentaria di Zaccaria sulla venuta del Messia.
Secondo Riccardo da San Vittore l’asina rappresenta l’umiltà e l’asinello l’umiliazione, e per questo sarebbero stati scelti da Gesù, anche se la motivazione della scelta può essere stata il fatto che l’asino era la cavalcatura dei profeti e, nelle culture orientali, dei principi o degli immortali.
Secondo l’apocrifo neotestamentario Atti di Tommaso l’asino che portò Gesù sarebbe stato un discendente dell’asino di Balaam, chiudendo così un ciclo di asini al servizio dei profeti.
 
Inoltre anche se non pienamente specificato nei Vangeli canonici, l’asino, come normale mezzo di trasporto, è da ritenersi presente negli episodi evangelici della visita di Maria a Elisabetta;
nel viaggio a Betlemme di Giuseppe e Maria (l’impiego di un’asina è espressamente menzionato nell’apocrifo Protovangelo di Giacomo);
nella fuga in Egitto (gli asini, come bestie da soma adibite al “trasloco” della Sacra Famiglia sono menzionati nell’apocrifo Pseudo Matteo)
Nell’episodio della Natività, la presenza dell’asino insieme al bue accanto alla mangiatoia, sulla quale venne deposto Gesù, anche se universalmente data per scontata e trasfusa nel Presepio non è rinvenibile nei Vangeli canonici, ma soltanto nello Pseudo Matteo.
 
 
 
 
Ancora una piccola chicca per voi:
 
una tradizione di origine medievale attribuisce il segno cruciforme di pelo nero che segna la schiena dell’asino a un premio ricevuto per avere reso un servizio al Signore.

Mosaici, oli su tela e affreschi:
le immagini delle Palme ci sono state tramandate direttamente dalla storia ed in molte chiese sono presenti immagini o disegni della
Domenica delle Palme.
 
 
Pietro Lorenzetti
Entrata in Gerusalemme
Basilica di
San Francesco d'Assisi

 
Ed ora amici cari...
Buona festa a tutti e che ci sia finalmente Pace nel Mondo.
 
 
Immagini da Google
 
 

46 commenti :

  1. Davvero interessante questa curiosità e la tua descrizione di un simbolo e di una figura,che all'apparenza sembra non avere alcuna importanza,ma rientra spesso nell'iconografia biblica.La frase di Pascoli,poi,è l'augurio migliore,sincero che si possa fare in questo momento,per tutti noi.Giuseppe.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Buongiorno Giuseppe.
      Molto spesso si tralasciano nella lettura dei particolari apparentemente insignificanti.
      Volevo solo far capire che per me la figura dell'asino ha una grande valenza, tutto qui.
      Sì il Pascoli ci voleva, grazie.
      Ti abbraccio, ciao.

      Elimina
  2. Risposte
    1. Franco caro, perdonami se non ti ho ricambiato, però nel mio cuore il mio augurio per te c'è stato.
      Ti abbraccio forte e grazie.

      Elimina
  3. Interessantissimo quello che racconti, in particolare le notizie su questo povero asino, considerato "animale da scarto" e che, secondo la tradizione biblica, è invece animale nobile ed importante. Allora che sia Pace nel mondo da oggi e per i secoli venturi.
    A te buona Domenica delle Palme.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Ambra.
      Sì, questo povero essere viene poco considerato, senza sapere invece quanto sia importante...
      Che la Pace finalmente regni!
      Grazie per gli auguri anche se un pochino in ritardo.
      Smack!

      Elimina
  4. Leggo con piacere quello che hai scritto.
    Certe cose riesci a dirle solo tu.
    Ciao.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Gus caro, detto da te è un grande onore.
      Grazie di cuore, bacio.

      Elimina
  5. Ogni volta che entro qui e mi perdo nelle tue spiegazioni io rivado indietro nel tempo e fantastico. Davvero interessante apprendere come un animale che nei secoli è stato così tanto bistrattato e sfruttato abbia una valenza così nobile e Cristiana.
    Grazie davvero.
    Pace nel cuore !!**
    Paolo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Paolo sei davvero troppo gentile, amo gli animali, soprattutto quelli che non vengono considerati.
      Anche l'asino è un gran mastino...ahahahah...
      Grazie davvero e ti auguro Pace immensa, ciao.

      Elimina
  6. Quante belle curiosità, Pia :) Alcune cose le sapevo (merito del Catechismo di taaaaanti anni fa ^^) ma passando di qui c'è SEMPRE qualcosa, anzi più di qualcosa, da scoprire ed imparare leggendoti :)

    Un abbraccio e, allora, buona settimana di avvicinamento alla Pasqua :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Maurizio.
      Sono felice di averti dato qualcosa in più, io prendo sempre qualcosa in più anche quando leggo te.
      E la legge dello scambio felice...
      Ti abbraccio forte, buona giornata.

      Elimina
  7. Ciao cara Pia. Grazie per questo dono gentile e importante. Ti auguro di poter vivere la Settimana Santa nel silenzio dei pensieri e nella gioia del cuore. Un abbraccio. Luigi

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Luigi!!!
      Grazie a te per il tuo graditissimo augurio.
      Che per te sia lo stesso ed anche meglio.
      Ti abbraccio forte, buona Settimana Santa.

      Elimina
  8. L'asino ovviamente era uno dei pochi mezzi di trasporto e da soma dell'epoca, ma non sapevo che fosse così citato nella Bibbia. Sapevo solo di quello cavalcato da Maria durante la fuga in Egitto e da Gesù nell'entrata a Gerusalemme.
    Grazie per le notizie. Buona giornata ti abbraccio
    enrico

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì Enrico, proprio per quello che tu hai detto (essendo animale comune da trasporto per quell'epoca) poco risalto viene dato durante la lettura della Scrittura, invece sembra che sia particolarmente indicativo...
      Grazie a te caro amico, buona giornata, ti abbraccio anch'io.

      Elimina
  9. "Pensate un po’ alle caratteristiche di un somaro, ora che ne restano così pochi. Non pensate all'animale vecchio e cocciuto, che sfoga i suoi rancori tirando calci a tradimento, ma all'asinello giovane, dalle orecchie tese come antenne, austero nel cibo, tenace nel lavoro, che trotta lieto e sicuro.
    Vi sono centinaia di animali più belli, più abili, più imponenti.
    Ma Cristo, per presentarsi come re al popolo che lo acclamava, ha scelto lui.
    Perché Gesù non sa che farsene dell'astuzia calcolatrice, della crudeltà dei cuori aridi, della bellezza appariscente ma vuota.
    Il Signore apprezza la gioia di un cuore giovane, il passo semplice, la voce non manierata, gli occhi limpidi, l'orecchio attento alla sua parola d'amore. Così regna nell'anima.
    Se Gesù, per regnare nella mia, nella tua anima, ponesse come condizione di trovare in noi un luogo perfetto, avremmo buon motivo per disperarci.
    E invece, non temere, figlia di Sion! Ecco, il tuo Re viene, seduto sopra un puledro d'asina (Gv 12, 15).
    Vedete? Gesù accetta di avere per trono un povero animale.
    Non so se capita anche a voi, ma io non mi sento umiliato nel riconoscermi dinanzi al Signore come un somarello: Sono come un somarello di fronte a te, ma sono sempre con te, perché tu mi hai preso con la tua destra (cfr Sal 72, 22-23), tu mi conduci per la cavezza". Josemaria Escrivà: E' Gesù che passa, n. 181

    Buona settimana santa Pia

    RispondiElimina
  10. Luigi!!!
    Grazie per avermi regalato queste tue splendide parole ed anche per il passo di Giovanni...
    E per aver citato il nostro grande Josemaria Escrivà.
    Ti abbraccio forte.
    Buona Settima Santa a te.

    RispondiElimina
  11. La tua erudizione in tema di asini evangelici e delle sacre scritture è immensa, sorellina di Maria e i ne prendo atto.
    Non sono un credente, piuttosto un miscredente ma a volte mi piace ascoltare anche chi -come te- professa la sua fede con così tanto garbo. Forse hai ragione tu ed io sono solamente un asino, ma visto come li tratti ti dirò che mi compiaccio di esserlo.
    Ciao sorellina di Maria e di ua ladispolese e tenti auguri per l'imminente Pasqua.
    Bacio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vincenzo carissimoooo...ciao! Certo che detto così mi fai sentire grande esperta di asini!
      Sono felicissima di leggerti, grazie di essere passato nel mio umile posticino.
      La fede è uno dei motivi ma non l'unico sai? A me piace conoscere ed approfondire le cose che mi stanno a cuore ed ora è toccato a questo tenero animale...
      Grazie amicissimo speciale, auguri di buona Pasqua e ti abbraccio forte, smack!

      Elimina
  12. Ciao Pia,
    oggi ho scoperto una mia grande lacuna, forse perchè ho letto poco il nuovo e vecchio testamento, forse perchè anche se cattolica sono stata una frequentatrice sporadica delle chiese ma tutte quello che ci hai raccontato per me è nuovo. Quindi, grazie per questo post interessante e ricco di informazioni.
    un abbraccione e buon inizio settimana

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Audrey!!!
      Di lacune ne abbiamo tutti mia cara amica e a dir la verità rispetto alle mie, questa è davvero minima...😉😉😉
      Buona giornata splendore e grazie infinite...baci.

      Elimina
  13. Wow, quante curiosità, alcune le sapevo, ma tu mi hai dato una visione ricca e dettagliata, post molto interessante, brava come sempre. Buona serata a te Stefania

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Stefania ciaoooo!!!
      Hai visto quante cose so sugli asini...ahahahah...
      Ci sono sempre nella vita cose a cui diamo poca importanza ed invece hanno un valore immenso...
      Ti ringrazio tantissimo cara, abbracci e buona giornata.

      Elimina
  14. Davvero un gran bel post, colmo di nozioni interessanti! E' un peccato che l'asino sia considerato un animale poco intelligente. Io lo trovo carino, umile e un gran lavoratore.
    Tanti Auguri di Buona pasqua anche a te!
    Buona giornata e a presto .. Dream Teller ^^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie cara Dream Teller.
      Sì anche a me piace lo trovo dolcissimo.
      Baci e tanti auguri di serena Pasqua anche a te. Smack!

      Elimina
  15. Che grande post hai fatto all'insegna della semplicità e dell'umiltà, sei grande amica mia !
    Serena Pasqua a te e alle persone che ami, ti abbraccio !

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Sciarada non esagerare...arrossisco sai?
      Baci, auguro a te lo stesso ed anche di più.
      Buona Pasqua cara amica.

      Elimina
  16. l'asino è un animale mansueto e noi che ne avevamo uno, anni fa, lo utilizzavamo per il trasporto più che come cavalcatura.Coi suoi BASTI sempre pieni ci alleviava di molto le fatiche

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì è mansueto ed ha un gran carattere, mi piace molto.
      L'uomo se lo ama, lo utilizza senza esagerare, credo che non gli dispiaccia aiutare...
      Grazie Enio, un bacio.

      Elimina
  17. Adoro gli asini Pia - sono animali fantastici ed a cui tocca un brutto ruolo, poverini
    Bello il tuo post ed anche interessante
    Auguroni per una Serena Pasqua di pace a te e famiglia : )
    Bacioni ed a presto

    RispondiElimina
  18. Ciao Arwen.
    Sì sono troppo belli e se sono amati problemi non hanno.
    Grazie e Buona Pasqua anche a te in famiglia. Smack!

    RispondiElimina
  19. Buongiorno Maurizio caro.
    Grazie per il pensiero e Buona Pasqua anche a te. 😘

    RispondiElimina
  20. Pochi sanno unire storia, arte, curiosità, tradizione e folklore come lo sai fare tu, qui e anche in altri post!!!
    Grazie davvero carissima Pia e un abbraccio pieno di auguri!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Annamaria ciao!
      Troppo gentile, scrivo di ciò che m'incuriosisce tutto qui, ti ringrazio tanto.
      Buona Pasqua mia meravigliosa amica e felice Lunedì di pasquetta. Baci.

      Elimina
  21. Ciao Pia, un passaggio velocissimo per lasciarti i miei auguri di buona Pasqua.
    Un abbraccio.
    Antonella

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Antonella!!!
      Grazie per essere passata anche se in velocità.
      Ti abbraccio forte mia bell'amica, felice e serena Pasqua. Smack!!!

      Elimina
  22. Ciao Pia!!!!
    Buona Pasqua amica bella, di cuore
    Un abbraccio grande! :)))

    RispondiElimina
  23. Claudia carissima, ciao!
    Ti auguro una Pasqua immensa a te ed a tutta la tua famiglia.
    Grazieeee...!!!

    RispondiElimina
  24. Un passaggio per leggerei tuoi post e per augurarti una buona pasqua
    Un abbraccio da pia ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Pia grazie!
      Ti abbraccio forte e Buone festività Pasquali anche a te.
      Ciao.

      Elimina
  25. Ciao Pia, contraccambio gli auguri che mi hai lasciato sul blog, per una Santa Pasqua serena a te e alla tua famiglia, un abbraccio Stefania

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Stefania!
      Ti abbraccio forte e Buona Pasqua!!!

      Elimina
  26. Mi piacciono molto gli Asini - sono animali bellissimi, intelligenti e spesso maltrattati dall'uomo, purtroppo. Ma per fortuna ora c'è anche chi li protegge !
    Dolci e fantastici. TI auguro un buon mese di Aprile ed una migliore Primavera carissima.
    Adorabili i coniglietti del post di buona pasqua. :-)
    Un saluto ed a presto

    RispondiElimina
  27. Ciao Arwen, grazie!
    Non sopporto chi maltratta gli animali ma loro sono nostri aiutanti e se li amiamo ci ricambiano.
    Ti abbraccio e buona primavera d'Aprile anche a te!

    P.s. Sono forti i coniglietti...se li vuoi puoi prenderli.

    RispondiElimina