-

-

Lettori fissi

Una perfetta correlazione è il primo principio su cui si fonda lo sviluppo.
L'integrazione o anche proprio la parola "organico" vuole dire che nulla ha valore se non in quanto naturalmente
collegato al tutto e in direzione di un qualche fine vitale.


Frank Lloyd Wright

"La cultura per i poveri non può essere una povera cultura".

Claudio Abbado


lunedì 2 marzo 2015

Sprazzi di memoria





Ragazzi perdonatemi ma da qualche giorno ho un ricordo vivido che mi ha portato a scrivere questo post.
Si tratta di mio nonno...
Aveva una grande passione per le carte da gioco.
Ho pochi attimi nella mia memoria vissuti con lui, ciò che mi divertiva tanto era quando ci faceva sedere a tavola, al suo  fianco e ci chiedeva: "Giochiamo?".
Immaginatevi un tavolo in legno scuro, rettangolare e lungo, coperto da una tovaglia in plastica con immagini simpatiche di anatre, pulcini e sprazzi di laghetti nel verde, con fondo beige.
Lui sempre a capotavola, noi nipoti essendo piccolini, a malapena occupavamo l'angolino quasi sempre alla sua sinistra.
Si giocava a scopa, asso piglia tutto, briscola (adoravo la briscola giocata con lui)...
Scusate...una piccola lacrima mi scorre sul volto...il ricordo è troppo vivido...

Era tremendo, non ci faceva vincere quasi mai e se lo faceva era solo perché ci amava...e tanto...

Così ho deciso, dedicherò a lui quello che scriverò.


Vi racconterò delle carte da gioco.



 
 
Tanto amate nel modo da sempre, è ancora il passatempo preferito di molti.
Il motivo è semplice, questo gioco unisce vecchi e giovani, ricchi e poveri, addirittura amici e nemici; viene chiamato per questo anche "gioco di società".



Nel mondo artistico possiamo trovare diversi momenti di tale divertimento ed aggregazione,
come nel Caravaggio,




o di appassionati solitari,
come in Chardin.




Addirittura rappresentano un intero movimento come quello del Cubismo, con Braque




e con Picasso.





Per non parlare del Mantegna che, per molto tempo, si è creduto avesse disegnato le carte chiamate proprio "Tarocchi del Mantegna".





In realtà, il loro vero disegnatore è Francesco Cossa.
Addirittura si credeva che  fossero opera del Botticelli...


La loro storia in seguito...
Ciao a tutti.


Immagini dal web


 

56 commenti :

  1. Bellissimo post, Pia.
    Anche io amo le carte, e moltissimo. Quindi aspetto con ansia i tuoi altri post!
    Belli i ricordi, anche io amo le carte per mio nonno, e tuttora gioco con lui a scopa pokerata!! :D

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Miki.
      Devo essere sincera non sono brava a giocare a carte, ma se capita lo faccio molto volentieri perché mi ricorda lui.
      C'è altro da dire, ma lo farò nel prossimo post.
      Alla prossima allora e grazie. 💓

      Elimina
  2. Un passaggio per leggere i tuoi post... e per augurarti un buon inizio di settimana ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Pia!
      Grazie!!! Buona settimana anche a te. Smack!💋

      Elimina
  3. Bellissima, Pia,questo tuo momento di ricordo. Ne fai una descrizione talmente vivida che mi sembra di essere seduta con voi al tavolo di legno scuro con la cerata sopra. Sono bellissimi e struggenti questi ricordi che conserviamo nel cuore.
    Un abbraccio.
    Antonella

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Antonella.
      Hai ragione è proprio così, nel momento del ricordo, tutto è così vivido...
      Ti abbraccio forte, ciao.

      Elimina
  4. Ma che bella idea questa carrellata artistica sulle carte. E quant'è interessante scoprire che il gioco delle carte affonda le sue radici in un passato glorioso, se pittori del calibro di quelli che hai citato hanno sentito l'urgenza di rappresentare la loro visione di un aspetto giocoso della società in cui vivevano.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Ambra.
      Le carte da gioco hanno un passato molto più lontano, ma questo lo scriverò in seguito.
      Gli artisti in generale credo che avessero da sempre la passione per questo tipo di divertimento. Non è un caso che spesso li ritroviamo descritti nei club o nei bistrot, era una prassi per loro, un modo per farsi conoscere e socializzare.
      Un abbraccio e tanti baci.

      Elimina
  5. Fantastico il racconto di tuo nonno. Io con la mia famiglia ho avuto dei problemi (sono stato adottato) però casualmente l'unico che ricordo piacevolmente è il nonno. Forse loro sono una categoria superiore !!**
    Bello il riferimento del gioco , non sapevo del Mantegna. GRAZIE.
    Ricordo che per lavoro andai in Spagna e li trovai un signore che mi raccontava come le prime carte da gioco le avessero utilizzate loro nel 1300 o giù di lì. Ma io non gli ho mai creduto ... boh !?
    Felice serata Pia
    Paolo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao caro Paolo,
      effettivamente, il nonno in particolare, è assolutamente una categoria di alto livello...concordo in pieno.
      Con i genitori tutto è diverso, in ogni caso. C'è sempre con loro un rapporto conflittuale ed a volte le cose si gestiscono in modo errato. Penso e spero che sia una cosa normale...ma qui il discorso è lungo...
      Già, del Mantegna ho scoperto la cosa casualmente leggendo alcuni libri. Ha stupito molto anche me.
      Per ciò che riguarda la storia delle carte...vedrai in seguito. 😋
      Ti abbraccio e buona giornata.

      Elimina
  6. bravissimo il tuo nonnino che vi insegnava a giocare a carte... io non posso dire altrettanto il mio ci diceva che le carte sono inventate\dal Diavolo.... statene lontani... forse per chè temeva che il vizio del gioco da grandi ci avrebbe potuto portare alla rovina... io non sono mai diventato un bravo giocatore, anzi sono proprio scarso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahahahah...Enio caro...mi sa che tuo nonno era un gran saggio.
      Tanto lo sapeva che da bravo ragazzo curioso, avresti conosciuto il gioco ugualmente.
      Adoro i nonni proprio per questo loro modo di essere lungimiranti...
      Comunque, in quanto a scarsità nel settore, siamo in due. 😋
      Ti abbraccio forte, ciao.

      Elimina
  7. Quello che scrivi è molto interessante per il collegamento nonno-carte-pittura.
    Un tocco di classe nel tuo mondo d'arte.
    Un abbraccio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Gus!
      Ahahahah...quando si dice: "la classe non è acqua!".
      Ma no Gus, non ho riflettuto molto mentre scrivevo, ho solo fatto scelte, forse, giuste.
      Però grazie per il bel complimento.
      Un abbraccione a te.

      Elimina
  8. Anche mia madre (ormai scomparsa) amava il gioco delle carte, era solita riunirsi con amici il venerdì pomeriggio e fare delle partite a scopone, per puro diletto.
    Ho condiviso volentieri questo tuo ricordo, cara Pia.
    Saluti affettuosissimi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Buongiorno Nigel.
      Era qualcosa che succedeva anche in alcune famiglie qui da noi.
      Si vedevano balconi illuminati e si udivano voci gioiose, ora è tutto svanito...purtroppo.
      Grazie, sono contenta di averti riportato ricordi così belli.
      Abbraccioni, ciao.

      Elimina
  9. Ciao Pia, intenso e meravigliosamente malinconico il racconto di tuo nonno, sicuramente un ricordo che rimarrà indelebile nei tuoi ricordi.
    Bella l'immagine firmata Pia, che fa da apripista alle altre stupende opere che hai pubblicato.
    Come sempre grandissima, è un piacere farti visita, grazie.
    Un abbraccio, a presto, Romualdo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì caro Romualdo, è così.
      È un ricordo molto forte ed intenso, mai sarà cancellato.
      L'immagine è un'elaborazione grafica, mi diverto a farle qualche volta, grazie per averlo notato.
      Il piacere della tua presenza qui è maggiore. 😊
      Bacissimi e buona giornata.

      Elimina
  10. Ciao Pia, perché chiedi scusa per una cosa talmente emozionante che con immensa generosità ci hai donato? :-)
    Io ti ringrazio per aver raggiunto la mia anima con tanta bellezza e aspetto la seconda parte, ti abbraccio !

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Immensa Sciarada, grazie!
      Le scuse forse sono rivolte più a me stessa, come se in questo modo riuscissi ad esprimermi meglio.
      Ti ringrazio per le tue dolcissime e sentite parole.
      Un abbraccio immenso.

      Elimina
  11. Mi colpisce molto il tuo post, Pia, perchè proprio ieri ne ho scritto uno su mia nonna, quindi... :) E posso dirti anche che sono riuscito a immaginarvi, attorno a quel tavolo, a giocare assieme... molto bello :)

    Un abbraccio a te :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Maurizio!
      Caspiterina che intesa!!!
      I ricordi dei nonni sono sempre i più dolci ed intensi, almeno per me. Attendo di leggere da te allora.
      Grazie e baciiiiii...

      Elimina
  12. Come sempre hai fatto un post bello ed interessante! Molto dolce questo tuo ricordo del nonno, io ho conosciuto poco i nonni perché abitavamo in città diverse.
    Felice giornata ti abbraccio
    enrico

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Enrico! Grazie.
      Eh già, la distanza a volte danneggia...ma l'amore per loro comunque resta.
      Ti abbraccio mio bell'amico. Smack!

      Elimina
  13. mi hai richiamato alla mente l'immagine dell'osteria frequentata dagli anziani del mio quartiere, che si riunivano alla sera per giocare a tressette: da ragazzo ci andavo spesso poiché era l'unico luogo di ritrovo degli amici!!!
    Quanti ricordi...Un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Luigi, bellissimo il ricordo dell'osteria!
      Proprio questo era il bello di tali ritrovi, un punto d'incontro e di semplice divertimento.
      Ciao carissimo, grazie.

      Elimina
  14. Davvero un bellissimo post. Sei stata bravissima a partire da uno splendido ricordo di tuo nonno che mi ha fatto venire in mente mia nonna ad un post molto originale.
    Le carte ricordano molto anche molte serate e pomeriggi trascorsi a guardare zii e zie cugini e cugine a giocare a carte a casa di mia nonna, io non giocavo perché sono sempre stata un po' diversa ^^ . Non mi piacevano le carte e non mi piacciono tutt'ora ma ne conservo un bel ricordo. Bellissimo post, molto toccante. A presto .. Dream Teller ^^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sei troppo gentile Silvia, grazie.
      Ahahahah...non ci crederai, ma anche io avevo avversione per le carte, è proprio grazie a mio nonno che a volte, ancora oggi, mi approccio ad esse. Mi ha addirittura fatto credere che fossi brava! Ahahahah...incredibile...fenomeno di un nonno...
      Ti abbraccio ed alla prossima, smack!

      Elimina
  15. Ciao Pia,
    ma che bello questo post pieno di ricordi.
    Leggendo mi è quasi parso di vedere tuo nonno che vi faceva vincere, che dolce ;)
    un bacione cara e buona serata

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie cara Audrey.
      In realtà ci faceva vincere, ma moooolto raramente. Lo faceva apposta...ahahahah...
      Bacissimi e serena serata, ciao.

      Elimina
  16. Un post interessante e ricco di ricordi.
    Serena giornata.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Vincenzo,
      per fortuna i ricordi ci sono e sono tanti, sia belli che brutti sono loro che formano il nostro essere.
      Ciao e baci.

      Elimina
  17. Rivedo mio figlio piccolo e poi adolescente giocare a carte col nonno ...

    Era una scena tenerissima, Pia.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. È vero Gianna, anche i genitori sono felici quando osservono queste stupende scene.
      Ed anch'esse diventano ricordi teneri...
      Bacissimi e buona serata.

      Elimina
  18. Ciao sorellina di Maria, mi hai commosso, perché anche io sono nonno e mi hai fatto pensare a cosa ricorderanno di me i miei nipoti quando saranno anni che non ci sarò più. Se diranno ancora che io sono "il più migliore nonno del mondo". Non mi è venuta la lacrima perché io sono tosto e perché penso che c'è ancora un sacco di tempo.
    Adoro le carte e tutti i giochi che ci si possono fare. Poker, SAcala quaranta, Ramino, scopa, brisola, tressette e scopone scientifico. Guai a chi cerca di battermi, deve avere un culo grande così altrimenti con me non ce la fa. A briscola per esempio io conto contemporaneamente il 36 e il 48 e alla fine ti dico che carte hai in mano.
    Insomma se dite che non so dipingere faccio spallucce, questione di punti di vista; se dite che non so scrivere me ne frego, questione di gusti; se dite che non so guidare me ne strafotto e pigio più a fondo l'acceleratore e nelle curve non rallento così vi vomitate gli intestini; ma guai a voi se dite che non so giocare a carte perché vi distruggo!

    RispondiElimina
  19. Ciao Vincenzo!!!
    Felice di averti leggermente commosso...
    OK, se dovessimo incontrarci devo assolutamente ricordarmi di non giocare a carte contro te...segnato!!!
    Però...forse...provero' ad assorvarti, giusto così per imparare...
    Ti abbraccio fortissimo e buona serata.

    RispondiElimina
  20. Sono passata per ricambiare la visita, grazie Pia per questo bel post, che fa rivivere ricordi lontani. A presto.
    Ale

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Ale, sono contenta che tu sia passata, lo apprezzo molto.
      I ricordi sono così preziosi...
      Baci, alla prossima.

      Elimina
  21. Ciao Pia bel post ...... spesso alle persone di una certa età piace il gioco a carte (dei più svariati tipi) anche per mia nonna era lo stesso ........ ed i miei genitori man mano che vanno avanti con gli anni ci si avvicinano ....... sarà un fatto di tempo forse ....
    Io invece non amo molto i vari giochi a carte - ma è una questione di gusto ;-)
    Sebbene in passato abbia giocato molto a Scalta quaranta, Scopa ed altri giochi ancora ....
    Un post davvero ricco di ricordi .......
    Buon pomeriggio ed a presto carissima ma soprattutto migliore continuazione di settimana a fine settimana in arrivo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Arwen, sono felice che tu sia passata.
      È come dici, anche io la vedo come te...
      Con il tempo riscopriamo cose perdute, come anche il gioco di carte.
      Grazie per aver condiviso i tuoi pensieri qui da me.
      Auguro anche a te un buon prosieguo della settimana, ti abbraccio, ciao.

      Elimina
  22. Ciao Pia!
    Vero che i ricordi quando riaffiorano diventano lacrime piene d'Amore! Mi sembra di vedere il mio papà che per il gioco delle carte era invincibile,io non ho preso da lui anche se mi piace fare la partitinia la domenica dopo pranzo con la mia famiglia,ma perdo sempre!
    Post molto interessante,non smetti mai di stupirmi con la tua "creatività"
    A proposito del Mantegna..proprio questa settimana il mio lavoro si è svolto con dei quadri suoi,cioè immagini dei suoi dipinti trasferite in serigrafia su borse di tela,na fatica! haha
    Un abbraccio enorme amica bella :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grandiosa Claudia, è proprio così.
      Mi fa piacere di averti fatto ricordare il tuo papà...
      Si dice che in certe cose ci sia un salto generazionale... 😋
      L'importante è non smettere di divertirsi. 😊
      Cavolicchio, certo che è difficile, la sua prospettiva è molto particolare...ma te sei una in gamba...quindi di cosa ci preoccupiamo???
      Grazie mia splendida artista, ti abbraccio forte anch'io.

      Elimina
  23. Ricordi nel tempo, bellissimo il racconto del nonno che giocava con voi bambini, ricordi dolcissimi che rimarranno per sempre nel vostro cuore!
    Commossa ho ricordato i miei dolcissimi nonni...
    Un abbraccio e buona giornata da Beatris

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beatris, grazie.
      La dolcezza di certi ricordi sono difficili da spiegare...
      Ti auguro una serena notte, baci.

      Elimina
  24. Arrivo in ritardo come al solito e me ne scuso, cara Pia....
    Trovo questo post originalissimo e senza dubbio interessante, per la fusione dell'arte con i tuoi ricordi personali.
    Anche a me è sempre piaciuto giocare a carte!
    Un abbraccio e grazie!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Annamaria non devi scusarti, altrimenti io ( che sono peggio di te) finisco male...ahahahah...
      Sono felice che tu sia qui e ti ringrazio tanto per le tue parole gentili.
      Ah-ha, allora sei brava se lo dici così...la cosa mi preoccupa non poco...ahahahah...io sono una frana!
      Abbraccioni a te, ciao. 😊

      Elimina
  25. I nonni sono insostituibili, buoni e affettuosi.
    Mi hai fatto ripensare ai miei tre che non ci sono più... la quarta la tengo stretta, è una donna forte e autoritaria. Unica!
    Pia, un abbraccio forte! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Carissima Flor, ciao!!!
      Sì, è così. I nonni sono insostituibili...
      I miei nonni non ci sono più purtroppo, ma il loro ricordo è indelebile.
      Beeeella la tua nonna!!!
      Grazie di avermi fatto visita, ti mando un bacio enorme. 😘

      Elimina
  26. Hai fatto davvero un bellissimo Lavoro Pia ed un post molto interessante Brava !
    Un saluto e Buon pomeriggio !
    Ti aspetto al Rifugio degli Elfi dal 15 Marzo al 15 Aprile per Il Link Party degli Elfi
    http://ilrifugiodeglielfi.blogspot.it/ più siamo meglio Stiamo.
    E' sempre bello fare un bel Link Party - io era da tanto che ne volevo fare uno personale al Rifugio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Arwen,
      ti ringrazio per il tuo passaggio qui da me.
      Non so esattamente in cosa consiste, il tuo party, però la mia curiosità è grande e la tua idea è molto originale, almeno per me.
      Ti abbraccio.

      Elimina
  27. nice blog, follow for follow?

    www.trendyytimes.blogspot.nl

    RispondiElimina
  28. Vedrai se non ne hai mai visto uno ti piacerù - è uno scambio di visibilitù che quando funziona aumenta i follower del tuo blog. Coloro che partecipano che devono per prima cosa essere follower del blog invitante - lasciano il link del loro blog e vengono inseriti nella lista di partecipanti con il link del loro blog in oridine di arrivo. Loro a loro volta devono visitare almeno tre blogger e se decidonno diventare follower - e fare pubblicità all'evento condividendo il Link & C. .......... Così tutti hanno una maggiore visibilità e la possibilitù di fare crescere il blog. Ti aspetto al Rifugio Un abbraccio.
    P.S. Grazie per il tuo bel commento al post di oggi - anche io spero che i tuoi maggiori desideri possano avverarsi. Ciaooo

    RispondiElimina
  29. Ciao I choi.
    Felice di conoscerti, grazie.
    Adesso vengo e mi iscrivo tra i tuoi amici.
    Se vuoi fallo anche tu, qui sul blog e su G+.
    Baci, ti aspetto.

    RispondiElimina
  30. Ciao Arwen,
    grazie per la tua deliziosa spiegazione.
    So già che mi divertirò, abbracci.

    P.s. grazie per le tue gentili parole, ciaooooo...

    RispondiElimina
  31. Ciao mia cara, eccomi qua, ristabilita per fortuna e felice di aver lasciato tutto alle spalle. Leggendo il tuo post a me invece è venuto in mente più che il nonno il mio caro papà, che oramai non c'è più ma ha rallegrato con il gioco delle carte pomeriggi domenicali della mia infanzia. Bello il tuo post ed interessante, leggero volentieri il seguito. Un abbraccio Stefania

    RispondiElimina
  32. Ciao Stefania!
    Sono felicissima che tutto vada meglio.
    Se non ci fossero loro, quanti carissimi ricordi avremmo perso!
    Grazie, sono in ritardo ma arrivoooo...
    Bacissimi.😘

    RispondiElimina