-

-

Lettori fissi

Una perfetta correlazione è il primo principio su cui si fonda lo sviluppo.
L'integrazione o anche proprio la parola "organico" vuole dire che nulla ha valore se non in quanto naturalmente
collegato al tutto e in direzione di un qualche fine vitale.


Frank Lloyd Wright

"La cultura per i poveri non può essere una povera cultura".

Claudio Abbado


domenica 10 gennaio 2016

Ecco a voi Torrecuso




Ciao a tutti!

Se riesco cercherò di farvi conoscere un pizzico della provincia di Benevento, mia città natale.

È arrivato il momento di raccontarvi della splendida 
Torrecuso.




Cominciamo con una leggenda documentata e fotografata da me...



LA LEGGENDA DELLA FONDAZIONE DI TORRECUSO IN ALCUNI DISTICI DEL XVII SECOLO.



È nota la leggenda che attribuisce agli 
Etruschi di Chiusi, la fondazione di 
Torrecuso (Benevento).

Narra Livio (V 34-5) che 
Arunte,
 ricco mercante di Chiusi, per vendicarsi del Lucumone che gli aveva sedotto la moglie, valicò le Alpi, invogliando i Galli a scendere in Italia, col mostrare ed offrire a loro che li ignoravano, alcuni prodotti del suolo italiano.
Dal racconto liviano prese spunto la leggenda locale.
All'irrompere dei Galli e in seguito alla distruzione di Chiusi, l'adultero lucumone ripara con alcuni compagni là dove doveva sorgere Torrecuso, ne innalza le mura e il turrito castello e da al paese il nobile nome di 
Torre di Chiusi.




Voglio precisare...

Sembra che il lucumone fosse un abitante di Chiusi in Toscana. 
Da qui "Torre di Chiusi".








Essendo una leggenda non possiamo dire che sia andata così, però a me ha ricordato un'altra famosissima...
Ricordate quella del grande Uther Pendragon e della bella Igraine?
Ahahahahah...vuoi vedere che ci troviamo nella leggendaria Camelot?


A parte gli scherzi...

La realtà è ben altra, ecco la sua storia.


§ § § § § § § §


Quando cadde l'Impero Romano, l'Italia fu invasa nel VI secolo d.C. e cadde sotto il dominio dei Longobardi che divisero il loro regno in ducati.

Tra di essi anche il Ducato di Benevento ed il primo duca fu Zottone a cui successe il nipote Arechi I e poi Arechi II. 
Essendo il più potente ed il più illuminato che si ebbe nella città, dobbiamo a ciò l'ergersi della bellissima chiesa di S. Sofia, tra i più grandi esemplari di architettura Longobarda ormai patrimonio dell'UNESCO.


Tornando a noi, 

grazie al grandioso Ducato suddetto, fu istituito come luogo di guardia proprio Torrecuso.
Ma intorno al XI secolo precisamente nel 1047, fu conquistato dai Normanni e successivamente, grazie all'aiuto di papa Leone IX, a cui chiesero aiuto, ebbe inizio la dominazione papale che durò fino al 1860. 
Fu in questo periodo infatti che il delegato apostolico Agnelli fu scacciato per l'intervento delle camice rosse garibaldine guidate dal colonnello Rampone.








Bene...
per ora mi fermo qui e continuerò nel prossimo post. 
Abbraccio.




18 commenti :

  1. Molto interessante.
    Ciao Pia.

    RispondiElimina
  2. Belli gli articoli sui luoghi natii, al di là degli aspetti storici e geografici, rappresentano una sorta di tenero amarcord della nostra infanzia.
    Un caro saluto, nobile amica ^__*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vero Niger, hai ragione sono i ricordi spesso a spingerci nella descrizione di questi luoghi a noi familiari.
      Per la gioia di tutti spero.
      Abbraccio grandissimo grazie.

      Elimina
  3. Interessante e molto coinvolgente la tua narrazione storica su Torrecuso. C'è un ritorno a tempi remoti pieni di fascino e mistero, dove coesistono storia e leggenda.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Verissimo Ambra, era ciò che volevo e sono contenta che tu l'abbia notato.
      Ti auguro una splendida giornata, grazie mille.

      Elimina
  4. Non ricordavo che gli etruschi si fossero spinti fin lì. Fantastico popolo.

    Un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Buongiorno Kylie!
      Sì sono arrivati anche da noi e hanno lasciato molte tracce del loro passaggio. Il popolo beneventano ha origine dagli Osci, come ho già descritto in un post addietro.
      Ciao carissima e grazie.

      Elimina
  5. Ciao cara Pia interessane ed istruttivo il tuo Post .... come sempre, mi piacerebbe poter visitare questi post, leggenda a parte ;-)
    Buon lunedì pomeriggio e sera e migliore settimana appena iniziata
    Un bacione ed a presto <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Arwen, buongiorno amica mia!
      Sì è impossibile non essere attirare da tali posti incantati per due sognatrici come noi.
      A parte gli scherzi, di luoghi da ammirare a Benevento e provincia sono tanti...forse dovresti proprio visitarli...
      Felice giorno, buona settima carissima ed alla prossima.

      Elimina
  6. Si va beh e Lancillotto? :-)
    A parte gli scherzi è molto interessante la storia di questa località che non conosco. Ora aspetto altri particolari su questa bella regione.
    Felice serata
    Un abbraccio
    enrico

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahahah...hai ragione Enrico, anche Lancillotto e Ginevra...
      Sì il prossimo sarà più descrittivo, spero ti possa piacere.
      Abbraccio grande, buona e serena giornata. Grazieeee...

      Elimina
  7. E' un paese molto caratteristico, oltre ad avere una storia interessante che, senza te, non avrei mai conosciuto :)

    Un abbraccio cara Pia :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì Maurizio, è un paese delizioso, non è difficile visitarlo ma se accade, ti rimane dentro qualcosa di dolce e poetico.
      Abbraccio a te, grazie!

      Elimina
  8. Qualche storia di quelle terre conoscevo, ma non così dettagliatamente come la racconti tu. A cercare, a smucinare nelle vecchie carte in tutta la nostra bella inimitabile Italia saltano fuori dall'oascuro medioevo tantissime storie. Tanti anni or sono, quando ero un ragazzotto alla maturità (ho avuto anche io 18 anni, cosa credi) avevo deciso di interessarmene a fondo, poi gli eventi -brutti rospi che non prevedi- mi hanno distolto da questo interesse. Adesso è un po' tardi, perché si deve girare molto e scartabellare assai.
    Per Benevento lo stai facendo brillantemente tu e la tua maggior sorella.
    Ciao Pia.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Vincenzo carissimo!
      Sì, è vero...mi diverto tanto a cercare in giro notizie e a dir la verità su questo borgo vi è molto poco. È stato difficile perché la biblioteca dove sono contenuti i cenni storici è chiusa. Forse in via di riorganizzazione, mi hanno riferito...non so se è vero, ovviamente spero di sì.
      Quindi mi sono fatta prestare alcuni libri da amici del luogo e finalmente ho trovato qualcosa.
      Spero di non combinare pasticci, il mio è solo divertimento e curiosità.
      Alla prossima allora...
      Ti abbraccio forte e buon inizio settimana, ciao!

      Elimina
  9. Affascinante la tua storia... purtroppo non ho mai avuto il piacere di visitare questi luoghi, ma ho trovato interessante, mi ha attratto il fascino antico di ciò che ci hai raccontato, aspetto il resto. Un abbraccio a te Stefania

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Stefania,
      sì è affascinante scoprire storie antiche ed a dirla tutta, da noi di storie così ve ne sono tante.
      La prossima sarà praticamente storia, spero di rendere tutto leggero però, vedremo.
      Abbraccio grande carissima, buon inizio settimana!

      Elimina