-

-

Lettori fissi

Una perfetta correlazione è il primo principio su cui si fonda lo sviluppo.
L'integrazione o anche proprio la parola "organico" vuole dire che nulla ha valore se non in quanto naturalmente
collegato al tutto e in direzione di un qualche fine vitale.


Frank Lloyd Wright

"La cultura per i poveri non può essere una povera cultura".

Claudio Abbado


giovedì 24 luglio 2014

Curiosità quasi inspiegabili dal mondo.



Quanti misteri ci sono nella nostra vita.

Stiamo sempre attenti e non ci facciamo sfuggire nulla...ah sì... e poi ecco che succede all'improvviso qualcosa che mai ci saremmo aspettati, alla quale non sappiamo e non riusciamo a dare la seppur minima spiegazione.
"È questione di tempo"




 diciamo,

 ma poi neanche il tempo ci aiuta a risolvere i misteri che comunque ci sono nel mondo.

Mi hanno sempre detto che porsi domande è importante, ma se le risposte non arrivano o sono frammentarie, cosa facciamo?

Anche nella storia abbiamo dei piccoli enigmi mai risolti.
L'evoluzione umana ha avuto diverse fasi in cui le domande esigevano risposte sempre più precise e quando la realtà divenne troppo difficile da comprendere, si ricorse all'immaginazione.
Quando sogno, fantasia e persino religione non riuscivano a dare le dovute spiegazioni, l'uomo si rifugiò nel mistero, nell'ignoto, in presunte forze ed entità sconosciute.
Ci si accorse dell'esistenza di eventi naturali incontrollabili ed inspiegabili e le paure vennero esorcizzate tramite riti che divennero parte essenziale del comportamento sociale.




Ma l'uomo è sempre in continua evoluzione ed ora c'è la consapevolezza di essere circondati da testimonianze materiali che in parte possono dare una spiegazione di ciò che è avvenuto in epoche lontane.
Grazie anche all'archeologia che indaga in maniera scientifica sui vari elementi che ci sono pervenuti nel tempo.
Però nonostante ciò per molti luoghi ancora sono tanti i quesiti rimasti insoluti.
Ora il mistero si cerca in tutti i modi di svelarlo indagando sull'ignoto, sperando che il segreto venga prima o poi infranto.

Per questo ho deciso di farvi conoscere uno tra i posti misteriosi che mi hanno incuriosito.

Sto parlando della città di
Nazca.




È situata nel Perù meridionale, a circa 445 Km a Sud di Lima.
Qui il clima è costantemente caldo e secco. Infatti viene anche chiamata "La città dell'eterna estate ". la temperatura varia da 23°C a oltre 30°C in estate.

Ma più che altro voglio farvi conoscere ciò che nei secoli è ancora rimasto, di opere o meglio disegni misteriosi sui quali gli archeologi stanno ancora studiando.

Le chiamano
Linee del Deserto.




Sono situate lungo la pianura di sabbia arida e disabitata della fascia costiera del Pacifico e ricopre l'intera
Pampa di San José,
lungo il tratto compreso tra la città di Nasca e Palpa.
La sua estensione è di 520 Km.
È considerata "la più grandiosa opera grafica del mondo".

Questa enigmatica e grandiosa testimonianza fu lasciata dalle popolazioni appartenenti alle culture precolumbiane di Paracas e Nasca in un periodo compreso tra il 800 a.C ed il 600 d. C.

Il terreno di quest'area è di natura alluvionale ed è ricoperta da ciotoli e frammenti di pietra ferruginosa, resi scuri dall'ossidazione.

Secondo gli studi i disegni e le linee sono stati realizzati spostando le pietre superficiali lungo i contorni delle figure, definiti da bassi muretti, lasciando emergere il terreno sabbioso sottostante di colore giallo chiaro.
Si pensa che essendo i Paracas e i Nasca abili tessitori ed artigiani, loro partendo da piccoli disegni li realizzano sul loro telaio ingrandendoli, lo stesso abbiano fatto i loro antenati.
Infatti piantarono dei paletti nel terreno ai quali legarono dei fili di diversa lunghezza e col sistema del pantografo riuscirono a realizzare le figure.
Il ritrovamento di resti lignei e di fili nella pampa accanto agli antichi disegni avvalora questa stima.

Ma rimane comunque un mistero visto che nessuno può confermare tale ipotesi.

Le figure dette Geoglifi sono circa 30 e con Le linee arriviamo a circa 50. 

Gli studi recenti hanno fatto si che si potessero raggruppare secondo tre diversi periodi.





Per ora mi fermo qui, ma il bello deve ancora venire.
Baci.


Immagini dal web



30 commenti :

  1. comprendo perfettamente l'essere umano che si porta dentro una montagna di dubbi irrisolti... pensa solo che vicino a casa mia c'è un "magaro" che pare sfrutti questi dubbi per campare... da lui arriva sempre più gente per risolverli... e sempre più dura "restare e vivere in questa valle di lacrime"

    RispondiElimina
  2. Il mistero diventa importante solo se riesce a cambiare la tua vita. Altrimenti è solo una curiosità appagata.
    Ciao.

    RispondiElimina
  3. Ciao Pia, il mistero è il "pane" per l'uomo che ama conoscere quello che lo circonda, e naturale la curiosità di sapere cosa è successo prima di noi.
    Tutto questo ci aiuta ad andare avanti a patto che non diventi una fobia, una smania di conoscere a tutti i costi anche il futuro, in questo caso si rischia di regredire.
    Interessante il tuo post, il racconto fatto da te mi incuriosisce anche se una risposta certa non ci sarà mai e forse è proprio questo il bello.
    A presto, Romualdo.

    RispondiElimina
  4. i dubbi irrisolti a quante pare :) sono il forte di parecchi.

    (mi sento meno sola... :D)

    RispondiElimina
  5. Ciao Pia!
    E per fortuna esistono gli studiosi che ci possono informare su avvenimenti dei tempi passati permettendoci di venirne a conoscenza se solo si pensa all'epoca degli Egizi un popolo dalle mille risorse che ha lasciato segni tangibili e alcuni ancora misteriosi,la storia mi ha sempre appassionato perché argomento molto interessante e istruttivo.
    Non perdo occasione di stare a guardare documentari dove le immagini parlano da sole,persone che popolano nazioni a noi poco conosciute perché raramente se ne parla,le loro abitudini i loro lavori manuali le opere costruite ti sembra di fare un viaggio in lungo e in largo passando da un continente all'altro senza nessuna fatica e gli occhi ti si riempiono di bellezza che mai scorderai
    Grazie cara amica,questo post è grandioso,ti abbraccio

    RispondiElimina
  6. Enio carissimo,
    i dubbi sono utili e necessari. Ci servono per fare chiarezza ed incentivare la nostra curiosità.
    Però i maghi presunti sono una piaga da debellare, speriamo che la cultura sia in aumento, solo così certi elementi avranno vita breve.
    OK, continuo a sognare 😉.
    Ciao, a presto.

    RispondiElimina
  7. Ciao Gus,
    Io e te sappiamo benissimo che solo un mistero non potrà essere mai svelato, se non alla fine dei tempi.
    Ma io considero mistero anche ciò che non riusciamo a spiegare degli eventi storici.
    Però sono sicura che con l'uso dell'intelligenza, che abbiamo avuto in dono, qualcosa di più scopriremo e l'archeologia è uno dei mezzi esistenti per fare ciò.
    Ti abbraccio.

    RispondiElimina
  8. Romualdo carissimo, bellissime queste tue parole "l'uomo ama conoscere quello che lo circonda". È proprio così, giustissimo.
    L'esagerazione comporta sempre danni in tutti i campi, quindi...
    Grazie per il tuo interesse, non pensavo sarebbe stato cosi apprezzato. Quando descrivo un'argomento lo faccio solo perché mi incuriosisce e desidero condividerlo.
    Vedrai che belle le immagini che proporro` in seguito, misteriose sì, ma artistiche ed in parte spiegate. Il mistero continua...

    RispondiElimina
  9. Hahahaha...Blonde, ma certo che non sei sola...direi invece che siamo infinitamente tutti pieni di dubbi.
    Ma io desidero molto risolverli!
    Baciiiii...🙌

    RispondiElimina
  10. Ciao Claudia,
    vedo che siamo sempre e comunque sulla stessa lunghezza d'onda!!!
    È proprio la storia che mi affascina di più.
    Anch'io faccio lo stesso.
    Non ho molte opportunità di viaggiare, ma con gli occhi e la mente lo posso fare e lo faccio, anche godendomi splendidi documentari.
    Ma quanto ancora c'è da scoprire.
    Bacissimissimi!!!💋💖😄
    Grazie!

    RispondiElimina
  11. Non abbiamo più né tempo né voglia per i misteri, chissà se un giorno ci sveglieremo di colpo

    RispondiElimina
  12. Il fascino del mistero ci circonda ovunque. Mi è piaciuto molto il tema del tuo post e ora attendo che tu continui la serie.

    RispondiElimina
  13. Sono tornata, Pia.

    Gran bel post...molto interessante.

    RispondiElimina
  14. Wowww!!!
    Ci verrà un'infarto!
    Meglio svegliarsi con calma.;-) ;-) ;-)
    Bentornato Soffio.

    RispondiElimina
  15. Grazie Ambra,
    mi piace l'idea della serie.
    Baciiii...e grazie.

    RispondiElimina
  16. Bentornata Gianna.
    Grazie, poi arrivo da te...💞

    RispondiElimina
  17. Ciao carissima,
    scusa il ritardo ma non sto tanto bene. Ho letto con molta attenzione e interesse, devo dirti che mi hai aperto un mondo, conta che almeno il 70% delle cose lette non le sapevo. Sono molto curiosa di scoprire il seguito, adoro i miseri e mi piace la tua analisi, anzi, secondo me dovresti farla diventare una rubrica questa cosa è troppo figa ;)
    bacissimi e buon week end

    RispondiElimina
  18. Non ci sono mai stato e non credo di poterci andare più almeno in questa mia vita attuale. Nella prossima si vedrà, sempre che non ne abbia avuto visione in una precedente, ma la memoria si ferma come sai dopo la morte e sedimenta valori per un definitivo futuro quando tutti saremo alla pari, al termine del nostro percorso liberatorio.
    Io ci credo.
    Ho letto su alcuni libri degli ipotetici significati di questa mappa. Probabilmente aveva a che fare col loro credo religioso, ma va a sapere.
    Bellissimo e documentato post, sorellina di Maria.
    Un bacione.

    RispondiElimina
  19. Affascinante, come tutti i misteri.
    Aspettando il seguito, ti saluto caramente.
    Cristiana

    RispondiElimina
  20. Come sempre la mia dolce Pia , esprime le sue idee e sceglie argomenti che donano molto interesse.
    Ho un badante peruviano, che è rimasto con me anche dopo la mancanza del mio compagno e spesso mi racconta aneddoti e storie particolari del suo Perù, linee di Nasca comprese. Viene dalla selva , quindi è ricco di leggende affascinanti dove il paranormale si unisce alla realtà..
    Lo ascolto estasiata , come ascolto te..
    Bacio!

    RispondiElimina
  21. grandioso!!!
    Ma ci saranno sicuramente immagini reali prese dall'alto: adesso le cerco su youtube!!!
    Grazie della scoperta

    RispondiElimina
  22. Carinissima Audrey, non preoccuparti, succede anche a me. Figurati che a volte sono proprio l'ultima dell'ultimo istante e mi meraviglio persino se ricevo risposte!
    Comunque riguardati, anche perché ultimamente il tempo non aiuta.
    Son contenta che ti abbia fatto conoscere qualcosina di nuovo e grazie per il suggerimento rubrica.
    Anche l'amica Ambra mi ha fatto intendere lo stesso, ci penserò.
    Abbraccioniiiii...

    RispondiElimina
  23. Ciao Vincenzo!
    Noto che c'è una grande confusione riguardo all'aldilà, quindi suggerisco di soprassedere.

    In realtà c'è altro che devo aggiungere e lo farò nel prossimo post.
    Ci sono molte leggende su quest'argomento, ma le ho volutamente eliminate perché volevo porre l'attenzione sul reale mistero che può essere svelato con l'aiuto degli studi archeologici.
    Inoltre non tutto è stato scoperto e quindi se non c'è spiegazione i dubbi restano.
    Grazie ed immenso bacio a te.😄

    RispondiElimina
  24. Ciao Cristiana!
    Grazie arriverà presto.
    Intanto ti saluto affettuosamente.

    RispondiElimina
  25. Nella che bello avere qualcuno che ti racconta cose di così grande curiosità.
    Mi piace quella parte dell'America che considero la più profonda e la più vera.
    Un abbraccio anche al tuo amico peruviano. Baciiii...

    RispondiElimina
  26. Luigi guarda che tra poco arrivano anche quelle, l'ho scritto che il bello deve ancora venire!
    Grazie ed abbraccioniiii...

    RispondiElimina
  27. A tutto ciò che ho letto e visto io canto una sola parola Creazione!
    Un abbraccio.

    RispondiElimina
  28. Lucia, ma che bel complimento!
    Grazie, ma io lo chiamo semplicemente divertimento!
    Baci. 😋💕

    RispondiElimina
  29. Sono meravigliose queste figure che possono essere apprezzate pienamente solo dall'alto; chi sa, forse chi le ha fatte le ha dedicate al dio del cielo o agli amici alieni! :-)
    Bel post Pia!

    RispondiElimina
  30. Buongiorno carissima Sciarada!
    Hai ragione l'effetto più bello è vederle dall'alto.
    Le mostrerò presto, spero che vi piacciano.
    Grazie! Abbracciotto.

    RispondiElimina