-

-

Lettori fissi

Una perfetta correlazione è il primo principio su cui si fonda lo sviluppo.
L'integrazione o anche proprio la parola "organico" vuole dire che nulla ha valore se non in quanto naturalmente
collegato al tutto e in direzione di un qualche fine vitale.


Frank Lloyd Wright

"La cultura per i poveri non può essere una povera cultura".

Claudio Abbado


mercoledì 30 luglio 2014

Curiosità quasi spiegate dal mondo.



 


Tornando alla nostra splendida Nasca e alle sue linee del deserto, ora vi porto a fare un volo per farvi ammirare dall'alto queste impressionanti figure.

Come abbiamo già detto ci troviamo nella Pampa di San Josè, anche se questi Geoglifi li troviamo anche nelle limitrofe Pampas di Jumana e Colorada.
Oggi questa pianura è attraversata dall'autostrada Panamerica e da strade dirette alle vicine miniere d'oro e di rame, i cui camion hanno provocato seri danni alle figure.
Osserviamo che a nordovest abbiamo:
Il Colibrì(50m), il Pellicano, il Serpente, il Condor (120m), il Tucano (raffigurato in volo, unico uccello dalle linee curve), le Mani (presso il rilievo detto dell'Osservatorio), l'Albero, e il famoso Ragno.
Molto famoso perchè rappresenta un raro Ricinulei amazzonico, la precisione è impressionante.




















  
   
Più in basso, verso sud, compaiono i Geoglifi con la figura di un Cane, della scimmia, del Lama, della Balena.
  
   




Foto by Pia


   

A sudest, in alto troviamo la Gazza, un uccello con corpo di colibrì e testa di serpente (275m), la Lucertola (180m), l'Orca, un serpente arrotolato.
Chiedo scusa per la Gazza e la Lucertola dei quali non ho trovato immagini corrispondenti.
  






  
Agli astremi troviamo due figure umane intere molto particolari.
Due personaggio a braccia alzate con testa tonda ed occhi grandi.







È stata anche scoperto un'enorme figura di Candelabro presso Paracas, su una duna sabbiosa di fronte alle isole Ballestas.
Il significato di questa figura è per ora oscuro.
 
 
 


Purtroppo ancora non si conoscono i significati di tantissime altre figure geometriche e non.










  



 

Gli archeologi che hanno studiato e che ancora studiano questo territorio sono tanti.
Il primo risale al 1927 con l'archeologo peruviano Toribio Mejìa Xesspe che analizzò soprattutto le grandi linee geometriche attribuendole a spazi sacri per riunioni religiose.
Poi ci fu la volta del suo collega professor Paul Kosok dell'università di Lon Island che considerò i geoglifi "il più grande libro astronomico del mondo", per lui rappresentava un calendario, nel 1939.
Anche la più famosa tra gli studiosi Maria Reiche nel 1946, considerò tali disegni come un gigantesco calendario astronomico ad uso agricolo.
Poi ci fu Philis Pitluga che disse lo stesso.
Ma nel 1967 l'astronomo Gerald Hawkins (lo stesso che studiò Stonehenge) smentì tutto.
Avvallato poi dall'italiano archeologo Giuseppe Orefici che condivide l'iniziale ipotesi di Xesspe, soprattutto per ciò che riguarda le linee che per lui hanno funzioni di tracciati processionali.
Infine tre Necropoli sono state scoperte presso Nasca precisamente a Chauachi, che ci hanno fatto comprendere meglio alcuni particolari.
I ritrovamenti di oggetti appartenenti a tre diverse generazioni culturali, che producevano tessuti, ceramiche ed altro hanno rivelato le stesse raffigurazioni di animali che sono state trovate nella Pampa.
Soprattutto uccelli della pioggia, perchè per loro l'acqua era il bene più prezioso.
 
 
  

Come ultima rivelazione una delle leggende Aymarà (popolazione del lago Tititaca);
essa dice che
il dio dell'acqua si alza in volo ogni anno dalle cime delle Ande per portare la pioggia, garantendo la vita alla pianura desertica (il Condor migra in quella direzione durante la stagione delle piogge).
Quindi ecco svelato gran parte del mistero:
I geoglifi e le linee sono legate al culto dell'acqua e della fertilità.
I disegni sono rivolte alle divinità del cielo e le piste e le linee sono percorsi processionali ed anche itinerari verso pozzi lontani o zone con riserve sotterranee di acqua.
Questo è stato il mio viaggio che mi ha portato a svelare alcuni dei più grandi misteri antichi.
Ma ce ne sono ancora tanti, forse un giorno ve ne parlerò.
Grazie per la pazienza e un caloroso saluto a tutti voi.
Ciao.


Immagini da Google 
Riferimenti da fonti private 
 

24 commenti :

  1. la cosa si può riassumere con una sola parola:GRANDIOSO. Grazie per avecelo portato a conoscenza.

    RispondiElimina
  2. Davvero bellissimo...sono affascinata e attratta da questo Perù..sono anni che sogno di andarci, ma per per il momento è rimasto solo un desiderio..chissà magari un giorno...
    Una proposta davvero interessante, ti ringrazio e ti lascio un abbraccio, Stefania

    RispondiElimina
  3. Mi sento come aver letto un libro colto. Sono veramente e piacevolmente colpito dalla tua erudizione.Che mi spaventa anche in quanto vicino a te mi sembra di essere un ignorante patentato. Anche perché per molti versi ammetto di esserlo.
    Mi inchino di fronte a te e lo faccio in tutta sincerità.
    Grazie per avermi fatto conoscere tutto quello che hai descritto.
    Un caro saluto,
    aldo.

    RispondiElimina
  4. Ciao cara,
    bellissima anche questa seconda tappa, anche oggi ho scoperto qualcosa di nuovo. Non mi stupisce che tutto fosse riconducibile all'acqua e alla fertilità, in fin dei conti, erano, sono e resteranno le cose più importanti perchè senza di loro non può esserci vita.
    p.s. La scimmia è troppo figa ;)
    bacioni

    RispondiElimina
  5. Sconvolgenti queste immagini. Sono stupende, ma anche inquietanti. E' come se il passato con queste eleganti simbologie ci guardasse e ci invitasse ad un ritmo di vita diverso da quello attuale, più saggio e indirizzato ai bisogni, per non dire ai valori più importanti.

    RispondiElimina
  6. Immagini straordinarie, cara Pia.

    Abbraccio.

    RispondiElimina
  7. Enio ciao!
    Grazie! Conoscere le usanze e le tradizioni di altri popoli, mi è sempre piaciuto. Spesso ciò che noi consideriamo mistero, per loro è semplicemente storia.
    Baci.

    RispondiElimina
  8. Grazie Stefania.
    Anch'io ho da sempre subito il loro fascino.
    Bisogna proprio andare lì per conoscere.
    Baci.🌻

    RispondiElimina
  9. Carissimo Aldo,
    sei troppo gentile.
    La cultura è varia ed io mi sento al cospetto un esserino piccolo piccolo.
    Ognuno ha conoscenza di ciò che l'incuriosisce, per me siamo tutti curiosi e tutti colti.
    Un abbraccio immenso.🌞

    RispondiElimina
  10. Carissima Audrey,
    sono contenta che ti sia piaciuto.
    Effettivamente il tuo punto di vista sulla pioggia e la fertilità è anche il mio.
    Non per niente il primo archeologo ha puntato dritto a quello e guarda caso sembra la pista più giusta.
    Ahahahahah... hai ragione la scimmia è fantastica!
    Baciiii...

    RispondiElimina
  11. Giusto Ambra!
    Consideriamo il passato e guardiamo cosa ci insegna, dobbiamo vivere con più saggezza e considerare i principali valori della vita.
    Grazie!!!

    RispondiElimina
  12. Splendida Gianna, grazie!
    Le foto non le ho eseguite io, ma le ho apprezzate molto.
    Meno male che c'è chi le fa! Baci.

    RispondiElimina
  13. Parlene ancora cara Pia mia..è così bello ascoltarti e leggerti..
    Le tue foto meravigliose , rendono ancora più tattile tutto il racconto..
    Pura magia , da favola!
    Grazie e un immenso abbraccio!

    RispondiElimina
  14. anche secondo me sono un pò inquietanti: per alcuni la precisione geometrica è talmente esatta che fa pensare all'intervento di presenze aliene che dall'alto hanno potuto tracciare i segni in maniera perfetta; come avrebbero potuto semplici uomini realizzare tutto questo?

    RispondiElimina
  15. Hai reso in maniera perfetta, tutto il fascino di queste figure e la documentazione circa la loro natura!
    Bravissima Pia, ti stringo in un abbraccio! :-)

    RispondiElimina
  16. Immagini e descrizione semplicemente fantastiche, mi ha incuriosito il candelabro,me altra immagini han manifestato tanta ammirazione verso questi capolavori naturali!
    Grazie lo cuore per aver postato immagini di effetto meraviglioso!
    Ti auguro buon pomeriggio con un sorriso!

    RispondiElimina
  17. Uno dei punti più misteriosi del pianeta.
    Saluti a presto.

    RispondiElimina
  18. Sai Nella, mi è piaciuto molto ciò che hai detto, è proprio così, una favola nella realtà.
    Grazie!!!

    RispondiElimina
  19. Luigi, sono convinta che chi osserva con attenzione alla fine fa la domanda più giusta (almeno per me).
    Tu l'hai fatto ed anch'io mi sono chiesta lo stesso.
    Come hanno fatto?
    Sono andata a curiosare ed una risposta c'è, solo che non può essere provata.
    Per questo non l'ho inserito nel mio post.
    Ora ti spiego,
    il ricercatore Bill Spohrer, osservando che diverse ceramiche Nasca sono decorate con figure che assomigliano ad aquiloni o palloni, fece fabbricare un pallone aerostatico chiamato il Condor I.
    Con soli materiali noti ai Nasca due aeronauti americani riuscirono a farlo volare per 3 Km all'altezza di 350 m.
    In questo modo la correttezza della realizzazione delle figure sarebbe stata assicurata.
    Ma come ho già specificato non ci sono prove quindi...
    Ti ringrazio molto per avermi dato l'opportunità di spiegarmi.
    Abbraccissimi e buona serata.

    RispondiElimina
  20. Grazie Sciarada!
    Sono contenta che ti sia piaciuto.
    Non ho fatto nulla d'eccezionale, ma grazie.
    Bacissimi.

    RispondiElimina
  21. Stella anch'io sono molto incuriosita dal candelabro.
    Spero che il suo enigma venga svelato presto 😉.
    Grazie ti abbraccio.

    RispondiElimina
  22. Infatti Cavaliere e non hai idea di quanti ce ne siano ancora in giro!
    Abbraccionissimi.

    RispondiElimina
  23. La tua cultura in materia è impressionante, considerato che sie una sorellina minore.....(!!!)
    Noi pensiamo di avere il mondo in pugno padroni come siamo della tecnologia, ma costoro dati i tempi in cui operavano erano dei mostri.
    Sarebbe come per noi poter camminare sul mare. Dicono che uno lo abbia fatto circa duemila anni or sono, ma non si sa se imbrogliava.

    RispondiElimina
  24. Vincenzo che fai??!?!
    Mi prendi in giro!?!?!😉😉😉

    Infatti proprio per questo mi incuriosiscono tanto certi argomenti.
    Sono quasi convinta che la cultura del passato fosse molto alta per certe cose e limitata per altre.
    Esattamente come oggi a pensarci bene.
    Forse un tempo i valori e gli interessi erano differenti, per cui anche l'evoluzione deve essere stata diversa.
    Comunque sono solo supposizioni, forse dovute alla mia incontenibile fantasia?😋
    Ti abbraccio amicone mio.

    RispondiElimina