-

-

Lettori fissi

Una perfetta correlazione è il primo principio su cui si fonda lo sviluppo.
L'integrazione o anche proprio la parola "organico" vuole dire che nulla ha valore se non in quanto naturalmente
collegato al tutto e in direzione di un qualche fine vitale.


Frank Lloyd Wright

"La cultura per i poveri non può essere una povera cultura".

Claudio Abbado


mercoledì 15 ottobre 2014

Come il vento...





Ciao carissimi,
mi dispiace ma in questi giorni sono stata un pò assente.
Ho cercato comunque di seguirvi, però con più difficoltà. Questo perchè è stato un periodo complicato, tra lavoro, stanchezza e vendemmia, il tempo è risultato poco.
Dovrò rimandare un pochino ciò che avevo prefissato, però visto che siamo ancora in Ottobre ed a dir la verità mentre ero impegnata nella raccolta, mi venivano in mente versi splendidi che non ricordavo nella loro interezza,
eccoli trovati!
 Vi proporrò di seguito una splendida poesia di
Percy Bysshe Shelley.



Ode al Vento Occidentale


I

Oh tu Vento selvaggio occidentale, àlito
della vita d'Autunno, oh presenza invisibile
da cui
le foglie morte sono trascinate, come
spettri in fuga

da un mago incantatore, gialle e nere,
pallide e del rossore della febbre,
moltitudini
che il contagio ha colpito: oh tu che guidi

i semi alati ai loro letti oscuri
dell'inverno i cui giacciono freddi e
profondi
come una spoglia sepolta in una tomba,


finché la tua azzurra sorella della
Primavera
non farà udire la squilla sulla terra in sogno
e colmerà di profumi e di colori vividi

il colle e la pianura, nell'aria i lievi bocci
conducendo
simili a greggi al pascolo; oh Spirito
selvaggio,
tu che dovunque t'agiti, e distruggi e
proteggi: ascolta, ascolta!


II
Tu nella cui corrente, nel tumulo
del cielo a precipizio, le nuvole disperse
sono spinte qua e là come foglie appassite
scosse dai rami intricati del Cielo e
dell'Oceano,
angeli della pioggia e del fulmine, e si
spargono
là sull'azzurra superfcie delle tue onde
d'aria
come la fulgida chioma che s'innalza
sopra la testa d'una fiera Menade, dal
limite
fioco dell'orizzonte fino alle altezze
estreme dello zenit,
capigliatura della tempesta imminente.
Canto funebre
tu dell'anno che muore, al quale questa
notte che si chiude
sarà la cupola del suo sepolcro immenso,
sostenuta a volta
da tutta la potenza riunita dei vapori
dalla cui densa atmosfera esploderà una
pioggia
nera con fuocoe grandine: oh, ascolta!

III

Tu che svegliasti dai loro sogni estivi
 le acque azzurre del Mediterraneo, dove
si giaceva cullato dal moto dei flutti
cristallini

accanto a un'isola tutta di pomice del golfo
di Baia e vide in sonno gli antichi palazzi e
le torri
tremolanti nel giorno più intenso dell'onda,
sommersi

da muschi azzurri e da fiori dolcissimi al
punto
che nel descriverli il senso viene meno!
Tu per il cui sentiero la possente

superfice d'Atlantico si squarcia
e svela abissi profondi dove i fiori
del mare e i boschi fradici di fango, che
indossano

le foglie senza linfa dell'oceano,
conoscono
la voce e si fanno all'improvviso grigi
per la paura e tremano e si spogliano:
oh,
ascolta!

IV
Fossi una foglia appassita che tu potessi
portare;
fossi una rapida nuvola per inseguire il tuo
volo;
un'onda palpitante alla tua forza, e potessi
condividere tutto l'impulso della tua
potenza,
soltanto meno libero di te, oh tu che sei
incontrollabile!
Potessi essero almeno com'ero
nell'infanzia, compagno

dei tuoi vagabondaggi alti nei cieli, come
quando
superare il tuo rapido passo celeste
sembrava appena un sogno; non mi
rivolgerei
a te con questa preghiera nella mia dolente
necessità. Ti prego, levami come un'onda,
come
una foglia o una nuvola. Cado
sopra le spine della vita e sanguino! Un
grave
peso di ore ha incatenato, incurvato
uno a te troppo simile: indomito, veloce ed
orgoglioso.

V

Fà di me la tua cetra, com'è della foresta;
che cosa importa se le mie foglie cadono
come le sue! Il tumulto

delle tue forti armonie leverà a entrambi un
canto
profondo e autunnale, e dolcemente triste.
Che tu sia dunque il mio spirito, o Spirito
fiero!

Spirito impetuoso, che tu sia me stesso!
Guida i miei morti pensieri per tutto
l'universo
come foglie appassite per darmi una
nascita nuova!

E con l'incanto di questi miei versi dispersi
come da un focolare non ancora spento,
le faville e le ceneri, le mie parole fra gli uomini!

E alla terra che dorme, attraverso il mio
labbro,
tu sia la tromba d'una profezia! Oh, Vento,
se viene l'inverno, potrà la Primavera esser
lontana?



Baci a tutti!



Immagini dal web


48 commenti :

  1. Questa poesia mi dona pensieri e visioni che mi affascinano ... parla anche della mia stagione preferita in tutti i suoi aspetti.. non la conoscevo e mi ha fatto molto piacere leggerla.
    Grazie mille per questa condivisione.
    Buona giornata e a presto.. Pollysilvia ^^

    RispondiElimina
  2. Come il vento, anche questa lirica spazia lungo tutto l'autunno e i suoi giorni, tra emozioni e luoghi mitici.

    RispondiElimina
  3. Non la conoscevo questa poesia.
    Insomma... ha una visione dell'autunno più improntata all'inverno :p

    Moz-

    RispondiElimina
  4. Ciao cara,
    leggo che anche tu hai avuto il tuo gran da fare. Io non riesco più a mettermi in carreggiata, da quando sono stata male ho perso il ritmo -.-'
    Bellissimo questo post e questa poesia, ci hai fatto un bel regalo e allietato la giornata. un bacione :D

    RispondiElimina
  5. Ecco un brano che esprime in pieno la concezione poetica del suo autore, in bilico fra Neoclassicismo e Romanticismo e di cui è evidente la curiosità per l'investigazione dei segreti delle cose e la necessità di misurarsi con le forze creative della vita, oltre la semplice ed a volte fallace apparenza del quotidiano.
    Una lirica, in definitiva, dai toni levigati, che ci riporta indietro nel tempo, quando gli eventi naturali erano ancora causa di stupore, di sorpresa.
    Qui, per mano di Shelley, il vento dell'ovest diviene forza, mito e mistero ed in tal senso sembra quasi preludere alla sua prematura ed inquietante scomparsa.
    ____________________

    Non sapevo che fossi una latifondista, cara Pia. Comunque saluti e buona vendemmia.
    .
    .
    .
    ^__^

    RispondiElimina
  6. Bellissima questa poesia, a tratti cupa e angosciante come certe giornate di fine autunno...quando sembra che una sorta di disperazione strisci per le strade sotto la nebbia...giornate che a me piacciono tantissimo.
    Un abbraccio.
    Antonella

    RispondiElimina
  7. Ciao Pia, poesia intensa, (che non conoscevo e per questo grazie) quando l'autunno lascia i fasti estivi e si avvicina all'intimità invernale, dove prendono forma i sogni e gli incubi celati ai nostri sensi nella bella stagione.
    Belle anche le immagini, mi ha colpito soprattutto il dipinto di Michael Wutky, che mi ricorda vagamente John Martin, senza il timbro apocalittico di quest'ultimo.
    Un abbraccio e buonissima serata, Romualdo.

    RispondiElimina
  8. Se si lavora in campagna il tempo è sempre poco.

    Un abbraccione

    RispondiElimina
  9. Ciao Polly,
    questa poesia l'ho conosciuta per caso, in realtà quella che mi ha portata ad avvicinarsi a lui è un'altra ed è splendida secondo me, si chiama "Filosofia dell'amore".
    Questa mi è piaciuta proprio per i tuoi stessi motivi, mi emoziona leggerla perché descrive le sensazioni che mi dà questa stagione, con tutti i suoi aspetti.
    Grazie carissima per aver condiviso i tuoi pensieri con me.
    Ti abbraccio e serena giornata.

    RispondiElimina
  10. Ambra carissima,
    Quasi quasi mi piacciono di più le tue parole che quelle del poeta.😄
    Sì quello che hai descritto è proprio il vento.
    Grazie amica, un bacio enorme.

    RispondiElimina
  11. Ciao Miki.
    Sono contentissima di averti fatto conoscere qualcosa di nuovo!
    Quando succede a me (e capita spesso) gioisco come non mai.
    In realtà Schelley è un romantico rivoluzionario e quindi non cerca di descrivere la stagione, ma lo fa utilizzando il vento, ribelle e orgoglioso esattamente come lui.
    Quando scrive questa lirica, si trova in un periodo difficile della sua vita.
    In realtà qui vi è speranza, sogno desiderio, il voler essere come una foglia leggera trasportata dal vento. Si è autunno ma la frase finale raccoglie tutto il senso.
    Se c'è l'autunno che porta l'inverno, può la Primavera essere lontana?
    È come una continua trasformazione, un divenire che porta al bello.
    Un soffrire che non può altro che far arrivare la serenità, il miglioramento.
    Scusa mi sono divulgata troppo, perdonami.
    Spero di averti fatto capire.
    Ti abbraccio carissimo.

    RispondiElimina
  12. Grazie Audrey.
    Credo che in questo particolare periodo sia normale un po` di fatica in più ed anche la salute che si guasta purtroppo!😔
    L'importante è rimettersi in carreggiata con grande forza di volontà.
    Ti ringrazio per le tue gentili parole, volevo scrivere altro, ma non ho potuto.
    Baci carissima e riguardati.

    RispondiElimina
  13. Buongiorno Guardiano Nigel,
    comprendo che lo conosci meglio di me e che ti piace molto, mi fa piacere.
    Le tue parole me le stampero` nella memoria, sei stato super.
    Grazie per il tuo arricchimento qui da me.
    Ti abbraccio.

    P.s. no, non sono una latifondista...ahahah... (ho solo un pezzettino di terreno, dei miei suoceri in realtà, con una piccolissima vigna) e produciamo il vino solo per la famiglia, tutto qui.

    RispondiElimina
  14. Sai Antonella,
    in effetti dà a tratti anche a me questa sensazione che hai descritto...e idem sul gusto.😉
    Baci carissima, abbraccioni.

    RispondiElimina
  15. Ciao Romualdo.
    Già, è proprio come dici, però aggiungerei che si arriverà ai profumi lieti della Primavera!
    L'occhio artistico non demorde, vero?!?
    Hai notato subito il bellissimo e tumultuosamente romantico olio di Wutky.
    Mi piace soprattutto perché si tratta della splendida Baia napoletana.
    Ma le sue opere sono fantastiche tutte.
    Effettivamente Martin ha qualche similitudine, se non erro l'epoca è la stessa, ma io l'avvicinarsi di più a William Turner, sempre dello stesso periodo.
    Un abbraccio a te Romualdo e buona giornata.

    RispondiElimina
  16. Sì Kylie, hai ragione.
    Il fatto è che non sono abituata a fare queste cose e quando dobbiamo, è davvero pesante per me.
    Baci mia cara e serena giornata.

    RispondiElimina
  17. Molto intensa questa lirica che mi fa rivivere malinconie e speranze dell'autore. Ottimo l'abbinamento poesia immagini.
    ... Il blog può attendere la vigna no :-)
    Buona giornata un abbraccio
    enrico

    RispondiElimina
  18. Versi che esprimono immagini della natura, una natura più equilibrata rispetto a quella di oggi che si esprime sempre più selvaggiamente.
    Ma ciò è colpa dell'uomo che non l'ha rispettata.
    Bellissimo post. Buona vendemmia!
    Cristiana

    RispondiElimina
  19. La poesia è il nutrimento dell'anima. Le immagini sono bellissime.
    Ciao Pia.

    RispondiElimina
  20. Io adoravo la storia d'amore tra Percy e Mary.
    Ne è stato tratto pure un film.
    La conosci?
    Hai visto il film?
    Bacio.

    RispondiElimina
  21. Sono arrivata qui per caso... bello! Ti aspetto da me, c'è una piccola iniziativa che potrebbe interessarti.

    RispondiElimina
  22. Ecco il mio stato d'animo in autunno, Pia.

    Versi estremamente intensi.

    Un caro abbraccio.

    RispondiElimina
  23. Grazie mia cara Pia per questa tua proposta, stupenda veramente ed emozionante, versi che trasmettano con trasporto tutta l'intensità di questa stagione e i contrastanti moti dell'animo. Buona serata a te, abbraccio Stefania

    RispondiElimina
  24. Enrico carissimo,
    hai racchiuso tutto in due semplici parole: malinconia e speranza.
    Superbravo!
    Grazie, hai notato l'abbinamento e ti ringrazio doppiamente.
    Ahahahah...hai ragione la vigna non può aspettare...acciderbolina se hai ragione!
    Baciiii...

    RispondiElimina
  25. Giusto Cristiana!
    Mi hai fatto notare questa particolare descrizione di natura equilibrata.
    Oggi è quasi fuori controllo e forse se continua così si complicherà maggiormente.
    Bisogna rispettarla, sono molto d'accordo.
    Buona giornata e grazie davvero per l'augurio, ciao.

    RispondiElimina
  26. Ciao Gus,
    ma quant'è bella la poesia?
    Come l'anima dunque!😉
    Grazie, sì, le immagini piacciono tanto anche a me.
    Baci.

    RispondiElimina
  27. Mari ciao.
    Purtroppo no, non ho visto il film.
    Sono andata a vedere, parli di "Gothica" vero?
    Ce lo vediamo insieme quando vieni?
    Ho visto qualche immagine e mi è piaciuto, grazie per la segnalazione.
    Buona giornata e non stancarti.
    Smaaackkk!💋

    RispondiElimina
  28. Un saluto a te Pia! ;) Ti aspettiamo :)

    RispondiElimina
  29. Grazie Stefania Q felice di conoscerti.
    Mi hai incuriosita, vengo a vedere.
    Ciao.

    RispondiElimina
  30. Infatti Gianna,
    Provo più o meno le stesse cose anch'io.
    Abbracci e grazie!

    RispondiElimina
  31. Stefania ciao.
    Grazie, sei tu l'intenditrice di splendidi versi, quindi sono contentissima che abbia apprezzato la mia proposta.
    I moti contrastanti dell'animo...già proprio così.
    Baci carissima.

    RispondiElimina
  32. Ciao Maurizio, grazie.
    Comunque non è che me ne vado, solo rallento un pochino.
    Bacissimi.

    RispondiElimina
  33. Una poesia molto bella, che ho letto più volte per essere sicura di coglierla pienamente.

    E magari si potesse essere come il vento, forte ed indomabile. Che spazza via tutto quello che vuole ma che è anche in grado semplicemente di avvolgere, accarezzare soavemente..

    RispondiElimina
  34. Ciao Stella Paola!
    Che bello averti qui!
    Bravissima, hai colto un particolare importantissimo del vento. Lui non è solo forte ed indomabile ma anche lieve e carezzevole.
    Grazie!
    Anch'io faccio come te leggo molto attentamente qualsiasi cosa, anche più volte. Solo così si arriva al vero senso di chi scrive.
    Ri-grazie ed un abbraccio.😊

    RispondiElimina
  35. Sì parlo di Gothic. Ambientato nel periodo in cui Mary decise di scrivere Frankestein.
    Rendendo il suo nome e quello del suo "mostro" immortali.
    Bacio.

    RispondiElimina
  36. Yes!
    So di Mary.
    Baci Mari.😉💖

    RispondiElimina
  37. Vincenzo grazie!
    Sì, favolosi!
    Felice fine settimana a te.

    RispondiElimina
  38. Poesia che ti stordisce tanto è bella cara Pia, unita a foto stupende che ti fanno entrare dentro le frasi , mentre non leggi più ma le convivi..io ormai diventata foglia o nuvola sballottata dal vento per ogni dove , ma incosciente dell'essere portata via!
    Un grosso bacio!

    RispondiElimina
  39. Nellissima cara,
    grazie, hai compreso benissimo il senso che ho voluto dare a questo post.
    Purtroppo siamo tutti sballottati dal vento a destra e a manca, ma siamo forti e ce la faremo sempre ad andare avanti.
    Baci e grazie ancora.

    RispondiElimina
  40. Felice inizio settimana...ciao.

    RispondiElimina
  41. Benvenuto Giancarlo.
    Grazie!
    Felice settimana anche a te! Ciao.

    RispondiElimina
  42. Sono contento perché, malgrado i tuoi impegni, sei riuscita a venirmi a trovare, mentre io, giustificato, restavo agli abbonati assenti. Testi e foto ottimi ed effetto pioggia molto buono (Sqirlz Water Reflections?).
    Buona settimana.

    RispondiElimina
  43. Ciao Elio,
    ma figurati, sapevo benissimo che eri a visitare la bellissima Roma (ci mostrerai qualcosa di questo viaggio, vero?) e poi da me sei sempre il benvenuto anche quando sei assente.😉😉😉
    Grazie, bello l'effetto pioggia, penso che sia come dici, ma non sono certa, l'immagine l'ho presa dal web.
    Felice settimana a te, baci.

    RispondiElimina
  44. Che meraviglia questa poesia così intensa, cara Pia, e belle anche le foto!
    Grazie sempre di tutto e un abbraccio!!!!

    RispondiElimina
  45. Ciao Annamaria e grazie a te per i complimenti e per essere così speciale.
    Baciiii...

    RispondiElimina
  46. Certo che anche tu non scherzi! Trovo questa poesia un po' triste.....ma amando tutta la poesia anche quella del creato...sento di ringraziarti per averla potuta leggere! Ciao.

    RispondiElimina
  47. Grazie Lucia.
    Sono felicissima che ti sia piaciuta.
    La tristezza è parte di noi, come tutto il resto...quindi...
    Ti abbraccio carissima.

    RispondiElimina